Viaggi nello spazio e nel tempo 
Time & Space Travels
BARLETTA
Concattedrale di Santa Maria Maggiore


La Concattedrale di Santa Maria Maggiore di Barletta è una gemma medievale in pietra bianca capace di offrire all'occhio curioso una quantità di suggestioni.

Correva l'anno 1190 quando Tencredi, re delle Sicilie, riconosce a Barletta lo status di 'civitas' appartenente al regio demanio, sottraendola così ai vari baroni di Puglia. Sei anni dopo parte la costruzione della nuova cattedrale su un sito religioso preesistente (già dal III secolo a.C. l'area sembra fosse destinata al culto del dio Nettuno...).

La cattedrale nasce in stile romanico per assumere - successivamente - caratteri gotici (facciata romanica, abside gotica) seguendo l'evoluzione del gusto nei diversi secoli di edificazione.
Ma sono gli ornamenti che offrono le maggiori suggestioni.

Di grande fascino le scene riportate sui due archi laterali della facciata, dove accanto a scene relativamente comuni quali Sansone che smascella il leone ve ne sono altre decisamente inconsuete quali il monaco che dorme sopra il cinghiale o le splendide figure del sottotetto tra le quali va notato lo splendido blemma (i blemmi erano esseri privi di testa e dotati di occhi e bocca sul torace. Secondo Procopio di Cesarea abitavano in Nubia).

Non poteva mancare la sirena bicaudata tra due manticore che fa bella mostra di se sul lato sinistro della cattedrale.