Viaggi nello spazio e nel tempo 
Time & Space Travels
Almenno
Rotonda di S. Tomè


Non c'è certezza storica sulla datazione della Rotonda di San Tomè.

Pare risalga alla fine del XI secolo o inizio del XII, ma certamente si tratta di una radicale ristrutturazione di un edificio ben più antico: sono evidenti gli inserti di materiali antecedenti. Perfino le colonne all'interno, per raggiungere l'altezza necessaria hanno un basamento che non è altro che un capitello riciclato a rovescio.

L'opera è sempre stata contesa o ignorata dalla litigiosa popolazione locale: l'ultima lite risale al '600 e pare sia stata composta 'a forza' all'inizio del '900 nientedimeno che dal cardinal Roncalli - divenuto poi papa Giovanni XXIII - originario del vicino Sotto il Monte.

Sembra che il sito ospitasse un tempio romano convertito poi in chiesa. Caduto in disuso nel periodo di dominazione Franca, conobbe una radicale ristrutturazione XII secolo.

Del resto l'opera è in un punto di passaggio obbligato sul fiume Brembo, nei pressi del 'ponte di Teodolinda' che pare fosse - in realtà - il ponte di una strada romana che collegava Como al Friuli.

A noi rimane il grandissimo fascino di questa chiesa rotonda con un incantevole matroneo (non visitabile: pare che nell'ultima ristrutturazione il pavimento del matroneo sia stato rivestito di un materiale inappropriato...) che gioca con la luce di ogni ora del giorno regalando un senso di pace e armonia difficilmente eguagliabile.

In un luogo tanto originale, avrebbero potuto mancare le sirene bicaudate?